diritto penale europeo
diritto
dirittto penale europeo
la giurisprudenza italiana
 
 
Diritto Penale Europeo
Dettaglio Articolo
Il favor reo prevale sul principio della devoluzione anche in cassazione.

 Il favor rei può essere rilevato d'ufficio dalla Cassazione. Anche quando il trattamento sanzionatorio inflitto per effetto di una sentenza emessa prima di un cambiamento normativo più favorevole all'imputato non è stato oggetto di un impugnazione, peraltro giudicata inammissibile. E anche quando la pena inflitta rientra nella cornice definita dalla nuova disciplina. A precisare il punto sono le Sezioni unite penali con una sentenza depositata ieri, la n. 46653, che è intervenuta sul cambiamento delle misure punitive sul traffico di stupefacenti provocata dalla pronuncia della Corte costituzionale n. 32 del 2014.


Il punto di partenza sottolineato dalle Sezioni unite è quello della funzione rieducativa della pena, una funzione che però rischia di uscire gravemente compromessa se inflitta con riferimento a un apparato sanzionatorio che lo stesso legislatore ha ritenuto non più adeguato per una condotta che comunque resta “diversamente” rilevante sul piano penale. A non venire garantito è anche il principio di proporzionalità, visto che la pena è stata stabilita in concreto sulla base di criteri che, in linea di massima, sembrano di maggiore gravità rispetto a quelli che il condannato avrebbe avuto diritto di vedersi applicare, sia pure sulla base di una valutazione “ora per allora”.
   
<<< Torna Indietro